biografia

Italo-canadese,(nonni di Campobasso) e' nato a Montreal in Canada il 16/06/1952.

 

Gino incise il suo primo disco a 17 anni con il nome Van Elli dal titolo Gina Bold ,era il 1969. Trasferitosi dalla natia Montreal a Los Angeles venne scoperto da Herb Alpert il quale produsse i suoi primi album ed Arrivo' nel 78 il successo mondiale con l'album " Brother to Brother", che gli valse il disco di platino per la famosa "I just wanna stop". Nel 1985 con Black Cars scalo' le classifiche mondiali e lo vedemmo ospite a Sanremo.
E' stato in tour in Italia nel 1992,1995,1999,2000,2007,2010,2012 e 2016.
Molto conosciuto soprattutto tra i musicisti sia per la straordinaria voce che per le originalissime composizioni che spaziano dal soul-pop al fusion-funkyjazz ,Gino non ha ricevuto quella notorieta' che merita.

Tra i suoi brani piu' conosciuti : I Just wanna stop, Living inside myself , Black cars.
Il padre era musicista in una big band ed il nonno imprenditore. Da bambino la sua piu' grande passione era la musica e diventò percussionista in giovane età; a quindici anni iniziò a rivelarsi come cantante e e cominciò a scrivere canzoni. Dopo il liceo firmò il suo primo contratto con la RCA e studiò musica alla McGill University.
Dopo un periodo trascorso a New York, si trasferì a Los Angeles con i fratelle e firmò un contratto con la AeM di Herb Alpert per poi pubblicare il suo primo album nal 1973. Il fratello Joe, collaborò come arrangiatore e tastierista per buona parte della carriera di Vannelli; quando ancora non esistevano sintetizzatori polifonici, Joe sovraincise vari parti per creare un tappeto musicale che fu poi molto utilizzato a partire dai primi anni '70.
L'essenza di un genere musicale si propaga attraverso l'emozione che provoca all'ascolto. Questo assioma è raffigurabile nella produzione musicale che negli anni ’70 e ’80 Gino Vannelli è stato in grado di proporre, a dispetto delle logiche di mercato. Gino Vannelli, di origini italiane e precisamente molisane, nasce a Montreal in Canada il 16/6/1952. Figlio di un cantante jazz si appassiona presto del genere e studia percussioni per cinque anni. A 12 anni forma la sua prima band e a 14 anni coltiva un forte interesse per la musica classica. Nel 1969, a 17 anni, Gino incide il suo primo disco con il nome Van Elli dal titolo “Gina Bold”. Trasferitosi da Montreal a New York e poi a Los Angeles, quasi sul punto di abbandonare la carriera artistica viene scoperto da Herb Alpert il quale produce i primi suoi album. E’ proprio negli anni ‘70 che la vena compositiva di Vannelli raggiunge livelli di altissimo livello.Brani come “People gotta move”, “Crazy Life”, “Powerful People”, "Where Am I Going" rappresentano un’autentica sfida al mercato, creando il primo esempio di pop rock fusion.
A partire dal primo album “Crazy life” (1973), annualmente produce album che aggiungono lustro al panorama musicale mondiale, arrivando all’album capolavoro “Brother to Brother” (1978) nel quale l’ influenza fusion si interseca alla fruibilità pop generando quello che ancora oggi è da considerare un caposaldo della musica pop rock e di chi vuole avvicinarvi al mondo jazz attraverso il pop.

2page_img2

2page_img2
Da questo album è tratto il brano che ha ottenuto il maggior successo commerciale: “ I Just Wanna stop”.
Gino Vannelli da artista poliedrico e coraggioso quale è non arresta la sua ricerca musicale e dopo un buon album “Nightwalker” (1981) che vive sulla scia del precedente, si immerge nelle nuove sonorità degli anni ’80 con l’album “Black Cars” (1985) che oltre al famoso brano omonimo racchiude l’ atmosferica “ Hurts to be in love” ancora oggi un esempio di raffinatezza armonica.
Nel 1987, al tramonto delle tendenze della decade, esce “Big Dreamers Never Sleep”, nel quale è presente forse l’ultimo grande successo di mercato, “Wild Horses”.
Negli anni ’90 perde il contatto con il mercato di massa e delle sue produzioni non rimane una traccia importante dal punto di vista artisitico e commerciale.
Si segnalano alcuni album live, una collaborazione con il cantante italiano Gianni Bella, ed un serie di tour tra cui quelli italiani del 1992,1995,1999 e 2000, senza che la stampa ne desse il dovuto risalto.
Decisamente sottovalutato in Italia rispetto ad altri artisti maggiormente acclamati, la sua produzione rappresenta un riferimento per gli addetti ai lavori e la sua voce è un esempio di chi fa del canto uno strumento espressivo.

Billboard & Juno Awards